Notizie

Let's do it! Italy lancia una petizione affinché il governo italiano si impegni per cancellare l'atto

Napoli. Appena due giorni fa l'Europarlamento ha votato a favore del raddoppiamento dei limiti delle emissioni delle automobili. Un atto scellerato che Let's do it! Italy condanna con fermezza e contro il quale si sta battendo dalla prime battute. In queste ore il movimento ha lanciato una petizione online con la quale chiede al Presidente del Consiglio dei Ministri, Matteo Renzi, ed al Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, di farsi promotori, presso il Parlamento europeo, di un'istanza che vada a favore della salute dei cittadini e della salvaguardia dell'ambiente, oltre a richiamare gli obiettivi derivati dalla Cop21.

«Dopo il caso Volkswagen e alla luce dell'accordo di Parigi sul clima, invece di introdurre regole più restrittive su quelle che sono le emissioni delle auto nell'aria – ha dichiarato il coordinatore di Let's do it! Italy Vincenzo Capasso – l'Europa fa l'esatto opposto. Segno questo del peso delle lobby dell'automotive. Chiediamo la riduzione di limiti delle emissioni per le auto».

Nel testo della petizione sono presenti anche i nomi dei parlamentari italiani che siedono all'Europarlamento che hanno votato a favore del provvedimento e di quelli che si sono astenuti.

Comunicato stampa

Se vi mancano le idee per addobbare la casa a pochi giorni dal natale Let's Do It! Italy vi viene incontro con alcune idee di riciclo creativo. Le idee possono essere tante. Dagli alberi di Natale alle stelle pendenti alle palle per l'albero.

Nei prossimi giorni troverete sui nostri canali social alcune idee di riuso creativo di vari materiali come la carta, i bottoni, i nastrini. Tecniche semplici che stuzzicano la fantasia e permettono di coinvolgere tutta la famiglia, bambini compresi. La prima idea, la stella pendente che correda questo articolo, è realizzata con rotoli della carta igienica, un vassoio da dolci di cartone ritagliato e colori acrilici.

Recycle Fashion

Napoli. "Riduci, riusa, indossa". Questo lo slogan che accompagna l'evento "Recycle fashion". Un metodo nuovo ed innovativo di fare moda, attraverso il riutilizzo di materiali non usuali, scarti di sartoria od anche rifiuti veri e propri. 

Promossa dal movimento ambientale Let's Do It! Italy l’iniziativa avrà luogo alle 19 del prossimo 18 settembre presso il Miramare, club sulla spiaggia vesuviana di Torre del Greco, in provincia di Napoli.

«Stiamo lavorando a questo progetto da quasi un anno. Ci abbiamo investito molte delle nostre forze perchè crediamo che sia necessario comunicare la nostra idea di salvaguardia ambientale anche attraverso modalità diverse dalle canoniche. Le tematiche ambientali riguardano tutti e dunque è necessario coinvolgere un pubblico eterogeneo», ha dichiarato il coordinatore di Let's Do It! Italy, Vincenzo Capasso.

I partecipanti. Gli abiti che sfileranno sono stati realizzati da Anna Capillari, Emy Cuomo, Mara Galiero, Mariangela Matrone, Teresa Papa. In passerella ci saranno accessori di re design realizzati da Sara Inserviente e Imma Scebi. Le acconciature saranno a cura di Vittorio Marotta e Antonio Pernice, mentre il trucco a cura di Rosa Falco.

Ha aderito al progetto la Casa circondariale di Arienzo, attraverso un laboratorio coordinato dall'associazione di volontariato Koinè. L'evento è supportato da Servizi ambientali Faiella.

Riduci, riusi, ricicla. Le ormai famose tre R per l'ambiente hanno fatto il giro del mondo e sono giunte fino in Nepal. Dopo aver contribuito alla nascita della Nepal Friendship Society la delegazione di Let's Do It! del paese asiatico ha iniziato i lavori di recupero di un'area del parco nazionale di Chitwan, quella in cui sorge la Nepal English Scholl, anche grazie al contributo di uno dei membri della delegazione italiana di Let's Do It! Walter Morselli.
Tra le prime azioni messe in campo dall'equipe il recupero di una struttura, quella appunto in cui sorge la Nepal English School. Anche gli spazi esterni alla casetta in legno sono stati ripuliti e messi a nuovo.

Napoli. Lo slogan "Riduci, riusa, indossa", che ha accompagnato l'evento "Recycle fashion", è diventato un marchio di fabbrica del movimento italiano. L'iniziativa di domenica 18 settembre al Miramare, club sulla spiaggia vesuviana di Torre del Greco, in provincia di Napoli, non sarà tappa unica del progetto promosso dal movimento ambientale Let's Do It! Italy.

Un appuntamento con la moda, ma anche di riflessione ambientale. Gli abiti che hanno sfilato sono stati infatti realizzato con materiali non usuali, come scarti di sartoria, plastica, vetro. Un modo chiaro ed innovativo di riuso dei rifiuti.

I partecipanti. A sfilare sul green carpet gli abiti realizzati da Anna Capillari, Emy Cuomo, Mara Galiero, Mariangela Matrone, Teresa Papa. Le acconciature sono state perfezionate da Francesco Di Riso e Vittorio Marotta, mentre il trucco è stato a cura di Federica Cossentino, Barbara D'Alesio, Annamaria Niglio, Elena Scia. A presentare l'evento '’attrice Lisa Imperatore.

Ha aderito al progetto la Casa circondariale di Arienzo, attraverso un laboratorio coordinato dall'associazione di volontariato Koinè. L’evento è stato realizzato grazie al supporto di Servizi ambientali Faiella.

Nel corso della manifestazione il coordinatore nazionale di Let’s Do It! Italy Vincenzo Capasso ha presentato la campagna di pulizia del 2018. «La rete di Let’s Do It! si propone di risolvere il problema dello scarico illegale dei rifiuti a livello locale e globale. Un progetto ambizioso al quale stiamo lavorando già dall'inizio del 2016 e che avrà il suo primo punto d'arrivo l'8 settembre del 2018, giorno nel quale si terrà un'azione di pulizia in contemporanea nei 112 Paesi in cui è presente il movimento. Puntiamo – ha detto Capasso – a coinvolgere il 5 per cento della popolazione mondiale. E possiamo farlo attraverso la sensibilità di ognuno di noi».

Comunicato stampa


Qui la fotogallery (in aggiornamento)

Previous Next

Una domenica di impegno sui territori nell'area nord di Napoli. Prima un sopralluogo ad una discarica sulla strada provinciale all'altezza di Casoria, in provincia di Napoli, in compagnia di Agriambiente Campania. Lì sono stati rinvenuti dai rifiuti urbani ai residui di lavori edili fino a rifiuti speciali. A seguire un'azione di pulizia a Succivo, in provincia di Caserta, assieme alle associazioni Pro.te.neo e Regno delle due Sicilie, coordinate da Stefano Nillo. Rifiuti urbani, pneumatici fuori uso, un frigorifero. Questi sono l'esempio di una parte dei rifiuti recuperati a Succivo. Finanche l'amianto, immediatamente segnalato alle autorità competenti attraverso l'app di Sma Campania con cui Let's do it! Italy ha un protocollo d'intesa ed anche attraverso Trashout, l'app per la mappatura di discariche in tutto il mondo, realizzato da Let's do it! World e Greenpeace.

Facebook

JoomBall - Cookies