Notizie

Ieri, presso la sala giunta del Comune di Napoli, la presentazione dell'edizione 2017 di Keep clean and run, la manifestazione di sensibilizzazione organizzata da Aica (Associazione Internazionale per la Comunicazione Ambientale) in collaborazione con il Ministero dell'Ambiente. Oggi la partenza della corsa da Ercolano, quota 1000, con un centinaio di studenti ed alcuni runner che accompagneranno in questa avventura Roberto Cavallo di Aica. Keep clean and run è un eco-trail della durata complessiva di otto giorni, nel corso dei quali i runner percorreranno circa 50 chilometri al giorno di strade e sentieri rimuovendo i rifiuti abbandonati lungo il percorso. Oggi Da Ercolano a Terzigno e poi fino ad Amalfi. Nei prossimi giorni Cavallo ed i suoi compagni di viaggio proseguiranno il percorso verso sud, fino ad arrivare, con l'ultima tappa, a correre e ripulire i sentieri dell'Etna.

Napoli. Positivo il bilancio della Cleanup World Conference di Let’s Do It! World tenutasi a Tallinn, in Estonia, dal 26 al 29 gennaio. Nel corso della kermesse, che ha visto la partecipazione di delegati da 65 Paesi, si è discusso della situazione rifiuti in Europa e nel mondo. Per affrontare la questione non bastano i volontari del movimento ambientale internazionale che ad oggi è presente in 113 Paesi. È necessario ampliare la rete e per farlo serve coinvolgere organizzazioni di diversa estrazione. Non solo quelle ambientali. Fondamentale investire nell’educazione e dunque interloquire con le scuole.

Le istituzioni. Importante anche il ruolo delle istituzioni. Anche quest’anno la presidente dell’Estonia, Kersti Kaljulaid, ha partecipato alla conferenza di Let’s Do It! ribadendo il suo appoggio al movimento. La Kaljulaid ha più volte dimostrato la propria sensibilità verso queste tematiche e sulla sostenibilità ambientale in particolar modo. In altre Paesi non è così scontato l’appoggio delle istituzioni.

Verso il 2018. L’8 settembre 2018 si prefigura il più importante appuntamento del movimento Let’s Do It! dalla sua fondazione nel 2008 in Estonia. L’obiettivo è coinvolgere il 5% della popolazione mondiale, circa 380 milioni di persone, per un’azione di pulizia globale. Entro il 2018 Let’s Do It! conta di arrivare a 150 Paesi aderenti. Nel corso della conferenza è stata presentata una nuova app per la mappatura dei rifiuti che sarà realizzata grazie al contributo di Microsoft. Entro l’estate dovrebbe essere utilizzabile. L’appuntamento per la conferenza internazionale è per fine gennaio del prossimo anno ancora a Tallinn.

«Il confronto con i delegati degli altri Paesi è stato molto proficuo. Raffrontare esperienze diverse è sempre utile per migliorarsi. L’obiettivo dell’azione di pulizia di Let’s Do It! in programma l’8 settembre 2018 si avvicina e dunque dobbiamo intensificare il lavoro in vista di quell’appuntamento. Per l’Italia abbiamo già programmato un tavolo di lavoro con le associazioni aderenti al movimento per il prossimo 7 febbraio. A seguire organizzeremo dei tavoli anche con altre realtà presenti sul territorio nazionale», ha dichiarato il coordinatore di Let’s Do It! Italy Vincenzo Capasso, al rientro dalla conferenza di Tallinn dove ha rappresentato l’Italia assieme al responsabile del reparto informatico, Alessandro Mobilia.

 

Mancano soli tre giorni all'inizio della World Conference 2017 di Let's Do It! World. Dopo l'esperienza di Bursa, in Turchia, lo scorso anno, si torna in Estonia, il Paese nel quale il movimento ambientalista è nato nel 2008 con l'ambizioso progetto di pulire la nazione in un solo giorno. Tema della conferenza di quest'anno, che si svolgerà dal 26 al 29 gennaio a Tallinn, è "Connecting heroes", un lavoro di avvicinamento all'azione di pulizia globale prevista per l'8 settembre 2018.
La delegazione italiana del movimento sarà rappresentata dal coordinatore nazionale, Vincenzo Capasso, e dal coordinatore della rete informatica e tecnologica, Alessandro Mobilia.

Cambia la data del World Cleanup Day 2018. Dalla prima data dell'8 settembre l'evento è stato spostato di una settimana. Si terrà dunque il 15 settembre 2018. L'evento sarà eccezionale per due motivi. Da una parte, perché per la prima volta, in contemporanea, tutti i rifiuti del mondo saranno visualizzati su una mappa, e, in secondo luogo, perché sarà coinvolto il 5 per cento della popolazione mondiale, ossia 380 milioni di persone.

Facebook

JoomBall - Cookies